News & Appuntamenti a Mantova

10 dicembre: 69° Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Si apre la maratona WRITE FOR RIGHTS

Il 10 dicembre 1948, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite proclamava la Dichiarazione universale dei diritti umani.

Per la prima volta nella storia dell'umanità, era stato prodotto un documento che riguardava tutte le persone del mondo, senza distinzioni. Per la prima volta veniva scritto che esistono diritti di cui ogni essere umano deve poter godere per la sola ragione di essere al mondo. Eppure la Dichiarazione è ancora disattesa, perché ancora troppo sconosciuta.

Per ricordare il 69° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani, il Gruppo mantovano di Amnesty International, insieme al Comune di Mantova, Banca Etica – GIT di Mantova, Casa Poli, Centro Bruno Cavalletto, CGIL, Colibrì – mercatino etico, "...con vista sul mondo", Ethics Expo, Il Mappamondo, Libera, Mantova per la Pace e Papacqua hanno invitato a Mantova Beppe Casales che ha proposto in tre repliche il suo monologo intitolato "Welcome".

Il 6 e il 7 dicembre scorsi al Cinema del Carbone circa 250 persone , tra cui 200 studenti degli istituti Mantegna e Bonomi-Mazzolari, hanno potuto apprezzare un intenso spettacolo sulle migrazioni, concepito nel viaggio che l'autore ha fatto al campo profughi di Idomeni in Grecia, il più grande campo profughi d'Europa. Amnesty International Italia ha patrocinato lo spettacolo con la seguente motivazione: "Per aver raccontato attraverso una descrizione viva e accurata la realtà dei campi profughi in Grecia, vibrante denuncia a quell'Europa che non rispetta gli elementari diritti alla dignità e all'accoglienza di rifugiati e migranti".

Dopo la rappresentazione teatrale le testimonianze di John Mpaliza, Ingegnere informatico, nato nella Repubblica Democratica Del Congo, noto come Peace Walking Man (camminatore per la pace) e del medico siriano Jean Bassmaji hanno completato il quadro preoccupante delle molte situazioni di grave e ingiusta sofferenza nel mondo.

Ma questo 10 dicembre 2017, amnesty International lo ha voluto dedicare alle persone che, in diverse parti del mondo, subiscono violazioni dei diritti umani. Write for Rights, la maratona mondiale di firme è uno dei più grandi eventi globali per i diritti umani.

Quest'anno gli appelli riguardano Taner Kilic e Idil Eser, rispettivamente presidente e direttrice di Amnesty International Turchia, Hanan Badr el-Din, attivista per i diritti umani dell'Egitto, Tadjadine Mahamat Babouri (detto Mahadine), attivista online del Ciad, Shakelia Jackson, il cui fratello Nakiea è stato ucciso dalle forze di polizia della Giamaica; Ahmadreza Djalali, il ricercatore dell'Università del Piemonte Orientale condannato a morte in Iran; il popolo Lenca, che rischia la vita per salvare la sua terra.

Fino al 21 dicembre prossimo sarà possibile sottoescrivere gli appelli a questo indirizzo https://www.amnesty.it/maratone/maratona-2017/.

Gruppo mantovano di Amnesty International

Condividi questa pagina!